#Alien / La testardaggine di Ridley Scott rovinerà la saga?

Fabrizio Mancini

Ero veramente contento all’idea del sequel di Prometheus. Nonostante tutti i buchi di sceneggiatura, personalmente l’inquietudine che gli Ingegneri, creatori del genere umano e di ciò che avrebbe portato i primi xenomorfi, ci vogliano morti mi intrigava, che Elisabeth Shaw partiva incazzata per fargli il culo era fichissimo. Ma qualcosa è cambiato e la nave ha virato su lidi più commerciali. Basta il titolo a capirlo, il pubblico voleva Alien, e quello ha avuto.. più o meno.

Scott è senza dubbio un grande cineasta, ma ero molto più in hype per il sequel di Aliens (il secondo della saga) scritto e diretto da quella prodezza di Neil Bloompkamp. Uno che aveva convinto Sigourney Weaver, ero elettrizzato e la cosa non valeva solo per me.

Nonostante questo però la cosa ha lentamente perso mordente, ma non per noi poveri fan, ma per la FOX.

Ma se il pubblico ha spinto Ridley a fare “Alien” perché si è deciso di non fare il nuovo Alien 5(o 3 per la posizione che avrebbe dovuto avere)?. La mia idea è che la risposto sia sempre Ridley Scott.

Andiamo per gradi, proviamo con un discorso di date.

Del sequel di Prometheus se n’è parlato fin da subito, la cosa si annusava anche solo vedendo il film. Ma il progetto non parte subito, Ridley Scott aveva evidentemente le idee poco chiare, tanto che per schiarirsele ha iniziato a lavorare su The Martian.

Intorno al febbraio 2015 si inizia a parlare di Neil Bloompkamp e di Alien 5

Appena dopo la cosa, sempre 2015, si parla del cambio di nome di Prometheus 2 ad un Alien, per l’esattezza Alien: Paradise Lost.

Da lì in poi 2 anni per portare sullo schermo Alien Covenant, un chiaro sintomo che il film non era assolutamente pronto. Tutti ricordiamo inoltre che il sequel avrebbe dovuto coinvolgere in pieno i protagonisti reduci di Prometheus e uscire per la primavera del 2016.

Tutto ciò ha rallentato Alien 5, poiché inizialmente previsto per il 2017 ha slittato all’anno successivo, per non far combaciare l’uscita con Covenant.

Ora Scott dice che ha sollevato la questione che fare due Alien non avrebbe avuto senso, convincendo la FOX ad annullare il progetto, aggiungendo che del progetto di Neil Bloompkamp non c’era molto se non più di 10 pagine di soggetto, ma che lui può riaprire il franchise lavorando su 6 film (sei-fottutissimi-film).

Ora, signor Scott avrei una domanda, cosa c’è di strano ad avere due registi su Alien? Sopratutto se uno fa il prequel e uno il sequel e la casa di produzione è la stessa. Sulle 10 pagine di soggetto, la cosa contraddice James Cameron (regista di Aliens) e la Weaver che al San Diego Comic-con 2016 hanno parlato di uno script sensazionale e innovativo. E poi se si parla di 6 film, lo spazio c’è.

Inoltre troppe le coincidenze come annunciare che Prometheus 2 sarà un Alien dopo la notizia del quinto capitolo o far slittare il progetto di Neil.

Vedendola su un discorso puramente economico. Nel bene o nel male Prometheus ha incassato, per quanto non sia stato di certo un grande successo di botteghino, ma sopratutto Ridley Scott è una garanzia di entrate (The Martian ha incassato parecchio e ha avuto molte nomination agli Oscar), mentre Bloompkamp, per quanto bravo, ha realizzato tre film, di cui un primo folgorante, un secondo insuccesso e un terzo buon film. È innegabile a chi tra i due la FOX dia retta.

Il mio timore è che il signor Scott cerchi di imporre il “suo” Alien. La creatura che tanto gli ha dato ma che non è pienamente sua. Il mancato Alien 5 potrebbe essere dipeso dalla sua imposizione nel progetto con la produzione.

Ovviamente questi sono solo miei pensieri, quasi da complottista, ma non riesco a toglierlo dalla mente.

Quindi perché credo che la rovini?

Alien Covenant non è un film brutto, ma nemmeno così bello. Gli errori ci sono, eccome. Eppure se un film crea qualcosa di incredibile certi errori puoi anche permetterglieli, ma per me questo incredibile in Covenant non c’è stato. Il film è uscito come un misto di Prometheus, con tanto di liquidazione in 30 secondi di cosa succede dopo la fine del primo prequel, e di un classico Alien, e ci si avvicina talmente tanto a livello di date (circa una quindicina di anni prima di Alien), che il terzo sarà sicuramente una sorta di Rogue One, o meglio un film che finirà proprio dove inizia il primo Alien.

Per me Alien ha sempre rappresentato altro, e per me intento uno che ama i primi due film, schifa gli altri due, apprezza il prequel e ha trovato una casa sicura nei fumetti.

Alien è uno dei più grandi doni narrativi, ha infestato la mente di migliaia di cineasti, sceneggiatori, illustratori. I fumetti sono un’ottima prova di quanto possa essere funzionale lasciare che altri lavorino sulla saga dello xenomorfo (editi in Italia da saldaPress, ve li consiglio).

Se Ridely Scott sente di poter essere l’unico a mostrare al cinema Alien si sbaglia.

Acquista su Amazon.it


Comments are closed.