#BAOpublishing / Come parlare alle ragazze alle feste: Guida galattica al rimorchio

Redazione Geek Area

Tutti, o quasi,conoscono il nome di Neil Gaiman, vuoi per Sandman o per American Gods. Qui parliamo di un racconto breve, unico nel suo genere, che ha conquistato gli States vincendo il premio Locus. I due fratelli brasiliani Fàbio Moon e Gabriel Bà hanno deciso di trasporre la storia in una graphic novel permettendo ad un’ampia fetta di pubblico di conoscere l’avventura surreale e poetica che attende la nostra coppia di amici, protagonista di una serata alquanto bizzarra. In Italia, Come parlare alle ragazze alle feste è edito da BAO publishing e si trova da pochissimi giorni in tutte le fumetterie e librerie.

Londra. Una coppia di amici si prepara ad affrontare un party all’insegna dell’alcol e del rimorchio più sfrenato. I due però, non hanno la minima idea di quel che li aspetta. Qualcosa che va al di là dei loro cervellini umanoidi e del loro organo procreativo. Nonostante queste premesse, se cercate un bignami su come far colpo siete decisamente nel fumetto sbagliato. I due protagonisti inizialmente rappresentano quello che ognuno di noi potrebbe volere o aspettarsi da una festa piena di donne: predatori a caccia. Un drink che accompagni la conversazione in modo da rendere tutto più leggero e rapido verso un esito fortunato e il gioco è fatto. Ma questo è un racconto molto diverso, più maturo, che racchiude una sensibilità unica.

La storia è un netto schiaffo al rapporto uomo/donna creatosi nella società contemporanea, teatro di superficialità e ignoranza causata da gravi lacune e da entrambe le parti. Il titolo racchiude la profondità e delicatezza dell’opera. Si tratta di un viaggio poetico e allegorico in cui viene teneramente messo in luce un timore tanto elementare quanto fondamentale per la propria formazione: parlare a una ragazza. Come comportarsi? Come farsi avanti e azzardare due parole? Queste sono domande a cui non esiste una risposta universale, ma sono adattabili al comportamento di ognuno di noi, nei limiti della decenza. La vera domanda a cui Gaiman tenta di rispondere è, forse, cosa provi un uomo quando decide di fare il grande passo. In questo i due amici sono molto diversi.

Da un lato abbiamo Enn che nonostante il timore di fondo vive il dialogo con la donna come un momento catartico. Ascolta… e ascolta… tutte indifferentemente. Sta vivendo il suo attimo, una sua prima volta nel miglior modo possibile. Vuole riuscirci. Si sta sforzando, ci sta mettendo tutto sè stesso in questa azione, anche se di fronte a lui si parano figure sconosciute, intese come veri e propri alieni, così lontane dal mondo del ragazzo. Dall’altro abbiamo Vic, a primo impatto un po’ più sicuro di sè e spavaldo che però, giunto al momento clou con una ragazza, si rivela in fondo non così all’altezza.

Neil Gaiman ha colpito ancora. Anche stavolta riesce a commuovere ed emozionare con un racconto breve carico di significato e simbolismo che investono il lettore pagina dopo pagina. In relativamente poche pagine ci mostra abilmente, con un pizzico di ironia se vogliamo, come un gesto così apparentemente semplice e naturale, possa in realtà avere un’importanza definitiva. E questo lo fa attraverso l’innocenza e la curiosità di Enn, svelandoci così la bellezza del confronto. Fa compiere un balzo nel vuoto a tutti noi. Perchè Enn potremmo essere ognuno di noi. Quante volte ci siamo trovati nella stessa situazione? Certo ognuno la vive diversamente, con le proprie tattiche. Ma, se non si è pronti prima di tutto ad ascoltare, tanto vale non iniziare nemmeno. Questo il primo e unico dettame di Come parlare alle ragazze alle feste. Personalmente credo che la magia che Gaiman crea con le parole, risvegli in tutti noi una parte forse dimenticata o nascosta nella vita di tutti i giorni. Un lato innocente e puro che ci apparteneva nel periodo della fanciullezza, nell’epoca delle novità e prime volte. La paura di una delusione d’amore, i primi sguardi, i sorrisi. Tante piccole cose che con la crescita rischiano di perdere quell’intensità.

La magia di Come parlare alle ragazze alle feste, non sarebbe possibile senza i disegni dei fratelli Moon e. La scelta dei colori acquarellati fornisce alla graphic novel un aspetto quasi fiabesco. Si rivelano di grande impatto soprattutto in alcune sequenze particolarmente surreali. Caratterizzano la storia di quell’elemento quasi fantastico e fantascientifico che accompagna ogni conversazione. Il disegno lascia molto più spazio ai colori che non al tratto, permettendo al lettore di focalizzarsi sulla spettacolarità poetica dei colori.

How to Talk to Girls at Parties avrà un adattamento al cinema diretto da John Cameron Mitchell, con un cast composto da Elle Fanning, Nicole Kidman e Alex Sharp.

Prezzo: EUR 14,45
Da: EUR 17,00

Autori: Fàbio Moon, Gabriel Bà, Neil Gaiman

Genere: Improvvise realizzazioni su quanto siamo piccoli e insignificanti

Pagine: 80

ISN: 978-88-6543-844-2

Formato e rilegatura: Cartonato 17×26

Data di pubblicazone: 20/04/17

Prezzo: 17 euro

 

So long Bubs! 

 


Comments are closed.

Caricando...