#BaoPublishing / Come quando eravamo piccoli

Francesco Sinisi

Come quando eravamo piccoli, nuovissimo romanzo grafico edito da Bao Publishing per la collana Le città viste dall’alto, è un tenerissimo gioiello di scrittura di Jacopo Paliaga, impeccabile; la storia umana di Pietro, costruita come un’efficace serie televisiva, da godersi sul divano, con tanto di puntate e titoli di coda, impreziosita dai disegni e dai colori di un ottimo French Carlomagno in stato di grazia.
La coppia di autori, che ci aveva abituati all’avventura col fortunatissimo webcomic Aqualung, si sperimenta e ci stupisce con un’opera totalmente diversa, riflessiva, pacata, di amore e quotidianità. Un’opera che non ti aspetti, un’opera godibilissima, povera di azione, vero, ma ricca di momenti intensi, perfettamente alternati a passaggi divertenti; pagine, in cui non mancano estrosi colpi di scena, strabordanti di spassose citazioni dal mondo televisivo e fumettistico. Un’opera di ambienti, situazioni e personaggi familiari in cui ogni lettore potrà riconoscersi, sentimenti e pensieri che ciascuno può aver vissuto, tormenti condivisi.

La vita continua, Pietro. Farà male ancora per un po’, è giusto che sia così, ma poi passa. […] Ma non puoi pretendere che ogni cosa vada secondo i piani. Non ti puoi sceneggiare la vita, né tantomeno riscriverla o rimanere a guardare.

Pietro, protagonista del graphic novel, questo lo sa o, meglio, lo impara. Come lo abbiamo imparato noi. E Jacopo Paliaga ce lo racconta, forse se lo racconta, in modo ineccepibile, alludendo non poco a se stesso, alle sue passioni, al suo mondo: un mondo in cui la famiglia ti accoglie, l’amore ti cambia, i sogni ti spingono, e la vita ti racconta. E tu racconti la vita.

Come quando eravamo piccoli è un omaggio alle strade delle nostre città, che French Carlomagno colora squisitamente; alla vita semplice ma mai banale di chi sa costruirsela, o almeno ci prova; alla storia di ognuno; un omaggio alla bellezza del cinema, della buona musica, delle serie tv che ti tengono incollato e col fiato sospeso, all’umanità e alla debolezza della gente, ai baci attesi, “a chi sogna e non ha paura di farlo“.

Un riuscitissimo esperimento di scrittura creativa, insomma, imperdibile, di due autori giovanissimi, freschi, stimolanti, che sanno sorprendere.
Ve ne consiglio vivamente la lettura.

 

€ 16.00

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

P.S. Alla fine del libro, una piacevole sorpresa extra vi lascerà odiare Jacopo e French: loro sanno davvero come interessarti e lasciarti poi… così… come… come me ad ogni odiosissima season finale de Il trono di spade! Cattivissimi simpaticoni!


Comments are closed.