#BaoPublishing / Gli anni che restano – Recensione

Flavia Bazzano

Bao Publishing ha aperto il mese di ottobre presentando al pubblico Gli anni che restano, primo graphic novel di Brian Freschi e Davide Aurilia. Gli autori presenteranno il volume alla prossima edizione di Lucca Comics & Games.

Cosa rimane di un’amicizia, in una scatola fotografie? Cosa rimane di Antonio, il buffo bambino con gli occhiali e la macchina fotografica sempre al collo? Cosa rimane del passato, ora che Antonio è morto? A queste e ad altre domande, Mauro dovrà dare una risposta intraprendendo un viaggio nei luoghi della propria infanzia, una ricerca che lo porterà a capire molto su sé stesso e sull’andare avanti.

Il viaggio di Mauro lo porta prima a Milano, ma soprattutto a Bologna, dove i due amici hanno condiviso l’esperienza universitaria. Qui, in luoghi evocativi come i portici e via Zamboni (piacevolmente riconoscibili alla prima occhiata), tra il ricordo delle lotte studentesche e dei primi amori si trova, forse, il bandolo della matassa. Attraverso l’espediente delle fotografie gli istanti del passato prendono vita, come in un film, ma la pellicola gira al contrario. Mauro tenterà insieme ad alcune vecchie conoscenze di ricostruire gli intervalli tra un istante e l’altro, arrivando però alla conclusione che non tutto si può raccontare.

Con “Gli anni che restano” la coppia Freschi-Aurilia unisce armonicamente una storia di memoria e introspezione al delicatissimo uso dell’acquerello. Le tinte tenui contribuiscono a creare le atmosfere intime che contraddistinguono il fumetto  persino nei momenti più drammatici della vicenda.

È apprezzabile come l’autore abbia saputo rendere Mauro e gli altri dei personaggi “umani”. Persone comuni si muovono in un contesto ben ricostruito e scene verosimili. Tra tutti loro, Mauro sembra essere il solo a ostinarsi ad andare indietro, eppure questa sua ostinazione permette al lettore di riconoscersi: dopotutto chi non ha un ricordo che non riesce a lasciare andare?

N.B. La caratteristica davvero interessante di questo graphic novel è che bisogna leggerlo una seconda volta per poter cogliere tutti gli indizi nascosti tra le pagine. Anche il lettore dovrà (e probabilmente vorrà) tornare indietro prima di chiudere il volume.

  • Titolo: Gli anni che restano
  • Autore: Brian Freschi
  • Disegni: Davide Aurilia
  • Pagine: 144
  • ISBN: 978-88-6543-923-4
  • Formato e rilegatura: Cartonato 17 x 23
  • Data di pubblicazione: 05/10/17
  • Prezzo: € 17,00

 

 


Comments are closed.

Caricando...