#BUGSComics / Mostri 6 – Recensione

Fabrizio Mancini

Come sempre BugsComics mostra una linea editoriale netta presente in tutte le sue storie che però spaziano su tutte le possibili tematiche horror. L’ineluttabilità aleggia potente nelle sue storie.
Si apre con Il grande sogno di Barone e Minotti, un noir classico con diretto rimando allo storico Il Grande Sonno, ma come se fosse immaginato da Lovecraft.
Si prosegue con Terza età di Fumasoli e Maruccia, una storia che ti fa inizialmente pensare perché non sia sulla rivista gemella Alieni, ma presto la risposta arriva. Scali e Giampà presentano Viaggio verso casa che tocca le tematiche del vodoo nel suo ambiente più classico, la palude. La situazione viene bene introdotta dal sempre presente Guglielmino che ci illustra per bene la figura di Baron Samedi e del mondo del vodoo. Non manca mai una storia che ti lascia anche con il sorriso con Le esequie durature di Congedo e Frezza.
L’intervista ci presenta Francesco Biagini, un prodigio nostrano che forse non è conosciuto come dovrebbe per il suo talento.
Conlude la cinquina delle storie Monstreaming di Crippa e Vartuli, una storia particolare che utilizza  il famigerato chupacapra in una tematica giovanile legata al web.
Gustosa la “giuda” a come sopravvivere ad una battuta di pesca con Cthulhu di Ruocco, che mi ha convinto ad andare a pesca
Immancabile un racconto egregiamente illustrato da Caracuzzo e le strisce di MoFtri

Bugs sembra sempre di più una famiglia, lo stesso Fumasoli nel suo editoriale di apertura spende qualche riga per lodare l’onnipresente e silenzioso Paolo Altibrandi, l’Art Director di Bugs.

 

cover-m6-r-2016

MOSTRI #6 – REGULAR 9.90 €


Comments are closed.