#Coconino / Cosmo: di viaggi, stelle e solitudini

Francesco Sinisi

Cosimo è un ragazzino solitario, affetto da mutismo selettivo. È appassionato di astronomia e scienza (motivo per il quale tutti lo chiamano Cosmo) e vuole vedere le stelle dal deserto di Atacama, dove hanno costruito il telescopio più grande del mondo. Per farlo, decide di partire nel giorno del suo quindicesimo compleanno, scappando dal centro riabilitativo dove vive, in compagnia solo del suo amico immaginario.

Inizia, così, una piccola odissea moderna, la storia di un viaggio veloce tra le pagine di un’opera densa, cruda, ricca di suggestioni, come ricca di pericoli è la strada che Cosmo percorre, incontrando personaggi che su di lui, passiva e silenziosa pagina bianca, scriveranno la loro parte, guidando il viaggio stesso, cucendo su loro stessi e sul ragazzo la maschera scelta.

Se dovessi cercare una costante nel racconto di questo viaggio, non esiterei a ritrovarla nel persistente senso di solitudine e alienazione in cui vivono i personaggi della storia; una solitudine alla quale lo stesso lettore non riesce a fuggire, tirato dentro lo spleen, perché Cosmo lo sa e ce lo dice da subito:

Le galassie continuano ad allontanarsi le une dalle altre. L’universo mentre si espande porta tutti con sé. Come l’uvetta su un panettone che lievita. Quando le stelle saranno a una certa distanza, accelereranno in un colpo solo. Se ne andranno per sempre e allora non ci sarà più nulla in tutto lo spazio. Né l’uvetta, né il panettone.

Il segno scuro dei disegni, marcato, dalle figure indefinite, partecipa all’atmosfera cupa e onirica del racconto; l’alternarsi di dettagli e campi lunghissimi dona all’opera quasi un respiro: sembra di sentire l’affanno delle corse di Cosmo.

La narrazione, veloce e scorrevole, più ricca di onomatopee che di dialoghi, è scandita dai pensieri del ragazzo; alcune pagine che a prima vista hanno un taglio puramente scientifico, dividono idealmente la narrazione in capitoli e ne introducono metaforicamente il senso.

Marino Neri ha confezionato un’opera veloce, in verità; ma complessa e profonda, che fa riflettere. Un’opera amara che lascia nel finale un senso di pesantezza nel cuore, di incompiuto, di tristezza. In tutta l’opera i personaggi che accompagnano Cosmo in questa sua odissea restano indietro; anche quando un incontro inaspettato sembrava potesse prendere una piega diversa, Cosmo resta solo nel suo viaggio. Ma in fondo lui lo sa, e glielo ricorda il suo unico amico:

Quando si viaggia è così: arriva sempre il momento dei saluti.

Vale per Cosmo. Vale per ognuno di noi.

Cosmo, edito dalla Coconino Press, è nelle librerie dal 21 aprile 2016 e acquistabile sul sito Fandango Editore al prezzo di 19€.

Titolo: Cosmo
Autore: Marino Neri
Collana: Coconino Cult
Pagine: 184, colore, brossura
ISBN: 9788876183010


Comments are closed.