#CrazyNena / La casalinga imperfetta

Fabrizio Mancini

Facciamo un passo indietro. Will Einser diceva che il fumetto è un’arte sequenziale, e questo non bisogna mai dimenticarlo. Crazy Nena esprime il fumetto nella sua forma embrionale, quella delle strisce disegnate.
Con un disegno che sembra ricordare un Schulz in chiave moderna, Serena Romio esplora le dinamiche della vita di una donna, fortemente filtrata dagli occhi di una donna, infatti da bravo maschietto potrei avere da ridire su un paio di cose. Però è qui il divertimento. Il rapporto uomo-donna è argomento amato da tutti i comici del mondo, sono temi che conosciamo tutti e che ci fanno sempre ridere. Il povero marito Roger è in questo caso la vittima sacrificale, poveretto, hai la mia solidarità.
Altro punto fortmente comico è la resa umana degli oggetti, un classico per molte donne. Il mio personaggio preferito è senza ombra di dubbio la bilancia. Il nemico di un mio nemico è mio amico. Ammetto che anche la lavatrice mi ha fatto davvero ridere.
Nel complesso si tratta principalmente di situazioni tipiche domestiche con alcune eccezioni che ci portano fuori casa.

Crazy Nena non ha una storia, ma sono tutti spaccati di vita, proprio come i Peanuts. Pillole che raramente superano le 4/5 strisce. Alcuni scenari tendono a ripetersi, proprio a mostrare la ciclicità della vita che però ogni volta può essere sorprendente.
Nnon tutti i fumetti devono necessariamente essere storie in cui buttarcisi dentro. A volte servono fumetti che ti danno una risposta quando non c’è una domanda. Quelle cose che servono nei momenti di vuoto e di noia, ne leggi un po’ e ti risollevi.

La raccolta di Crazy Nena è edita da ManFont al prezzo di 14€


Comments are closed.