#Esso / Il fumetto per chi ama il fumetto

Fabrizio Mancini

Curioso di questa storia, ho finalmente avuto modo di leggerla.

Ogni dubbio si scioglie alla prima tavola. Delle gocce su un chiaro disegno manga, in 4 vignette saliamo abbastanza di inquadratura da vedere e comprendere la scena, il tutto come l’inizio di Watchmen. La pioggia cade su un simbolo. Un simbolo nerd, anzi NervAsuka. Ai più accorti l’acqua ricorderà altro. In questa sola, unica tavola si capisce quanto l‘idea di questo fumetto sia forte, così come la sua realizzazione.

Esso è un vero eroe, non di quelli con il cavallo e l’armatura, un eroe italiano alla Ranxerox, che guidato (neanche troppo) dal suo maestro combatte una dura guerra contro gli editor-zombie famelici di storie. In una Lucca Comics ormai invasa da gheimer e cosplei l’Indipendente, così denominato, avanza tra violenza, volgarità e tanto divertimento, per sconfiggere la malvagia Piadini Publishing.

Le citazioni si sprecano per questo fumetto che parla di fumetto. Evidenti anche per chi come me è nuovo di questo mondo. Fenomenale quando Esso riesce finalmente a padroneggiare il famigerato storytelling.

Credo che l’intenzione di Amerio, Baino, BoscoToraldo e Abou Mrad, per quanto forse fosse mirata a qualcosa di semplicemente divertente per i grandi amanti dei comics, sia loro sfuggita di mano regalandoci un nuovo cult del panorama nostrano.

Un classico viaggio dell’eroe dedicato ai mastini del fumetto. se lo avete perso affrettatevi a rimediare, io non vedo l’ora di passare a Esso 2


Comments are closed.

Caricando...