#GameofThrones / Winds of Chicago: dove tutto ebbe inizio!

Daniele D'urso

Questo fine settimana l’autore più amato e allo stesso tempo odiato della nostra generazione, George R.R. Martin, ha presenziato una cerimonia alla Northwestern University (dove ha studiato da ragazzo) e ha lasciato un breve commentato sul suo momento attuale:

La serie, naturalmente, mi ha raggiunto, qualcosa che in realtà pensavo non sarebbe mai accaduto. Avevo un vantaggio enorme, ma la verità è che sono uno scrittore molto lento“.

Mentre il sesto romanzo della saga, The winds of the Winter, non ha ancora una data di uscita, il cast è alle prese con la realizzazione della nuova stagione, la prima a non essere basata su un romanzo di Martin, che per sua stessa ammissione è rimasto indietro sulla tabella di marcia.

Tanto da far ipotizzare a molti che l’uscita del libro avverrà nella prima metà del 2016, in modo da anticipare la messa in onda della nuova stagione.

Nel frattempo il caro George che si crogiola nel successo della sua opera (all’evento è stato insignito dell’Hall of Archievement dalla Medjll School of Journalism) ha rivelato interessanti novità sulla fonte di ispirazione per la creazione della Barriera.

In molti sapevano che la sua ispirazione primaria era stato il Vallo di Adriano, la fortificazione in pietra risalente all’epoca romana fatta costruire dall’imperatore nella Scozia settentrionale; a quanto pare, non è stata la sola; queste le sue parole:

L’inverno più freddo è stato a Chicago. Quell’inverno c’era così tanta neve che non si riusciva a vedere, solo neve e ghiaccio, e faceva molto freddo. Ricordo che attraversavo le trincee e gallerie di ghiaccio, il vento che soffiava in modo da non riuscire nemmeno a vedere. Un’esperienza che non ho dimenticato“.


Comments are closed.

Caricando...