#PaniniComics / All New All Different Ghost Rider: Veicoli di Vendetta

Mirko Tommasino

Se è vero che da un grande potere derivano grandi responsabilità, è pur vero (d’altro canto) che da un grande potere derivano grandi tentazioni.

All New Ghost Rider – Veicoli di Vendetta (edito da Panini Comics) è una corsa frenetica su un binario con due treni in arrivo da direzioni opposte. Perché Robbie Reyes (il protagonista) vedrà la sua vita cambiare drasticamente sotto i suoi occhi, assistendo (quasi) impotente alla distruzione della sua quotidianità, con ripercussioni gravi per lui e per i suoi cari.

Andiamo con ordine. Come da consolidata tradizione Marvel, il protagonista è un adolescente (stavolta di Los Angeles) con problemi familiari e scolastici, che si arrangia con lavori sottopagati, giorno dopo giorno. Continua, dunque, la scelta della casa delle idee di rappresentare un personaggio in cui un adolescente può facilmente identificarsi, dall’indole profondamente buona, a cui sono accadute tante sfortune. Robbie ha un fratello minore, Gabe, portatore di handicap, che dipende totalmente da lui. Tra i due c’è un rapporto di profondo amore fraterno, reso ancora più forte dall’assenza dei genitori. La loro vita quotidiana è semplice: problemi economici, problemi con le gang di quartiere, problemi con il lavoro. Eppure, nonostante ciò, quando i fratelli sono insieme, il mondo esterno sembra scomparire, portando con sé ogni male.

Cosa può sconvolgere una simile routine? Un’automobile nera, fiammante, che Robbie decide di prendere in prestito dal luogo dove lavora, per partecipare a una corsa clandestina. Da quel momento, la vita del protagonista e degli altri personaggi cambierà profondamente. Entra in gioco un nuovo individuo, strettamente legato all’automobile scusa: uno spirito, un teschio bianco ricoperto di fiamme, che cercherà di stabilire in ogni modo una connessione molto forte con il malcapitato Robbie.

Le meccaniche del legame tra i due si svilupperanno, giorno dopo giorno, in ogni occasione di vita quodiana: dal rapporto con il fratello ai bulli a scuola, passando per la storia che fa da contorno a tutto l’albo. C’è una partita di droga in città, più precisamente all’interno del bolide nero. Queste pillole interessano a personaggi particolarmente potenti, che ne rivendicano il possesso attraverso qualsisi mezzo illecito, facendo sfociare ben presto la vicenda in un’escalation di violenza di proporzioni enormi.

Tra anime dannate, possessioni, droghe, vecchi personaggi che daranno il loro contributo alla storia e vicende di quartiere, la lettura di All New Ghost Rider – Veicoli di Vendetta scorre in modo particolarmente piacevole, enfatizzando in modo particolare il legame tra un simile potere e la responsabilità diretta di chi lo possiede verso sé stesso e chiunque ne venga influenzato. L’equazione non si risolve facilmente, chi riceve tra capo e collo questo potere spesso non è pronto a sostenerlo, e avrà bisogno di fare esperienza per gestirlo al meglio, compiendo errori (anche gravi) in momenti in cui un simile peso diventa insostenibile.

Il volume comprende i primi dodici numeri di All New Ghost Rider, usciti tra maggio 2014 e maggio 2015. Ad accompagnare la storia di Felipe Smith, c’è un comparto di tre disegnatori: Tradd Moore, Damion Scott e Kris Anka, con lo stesso Felipe Smith disegnatore di due albi; troviamo inoltre le chine di Robert Campanella, Cory Hamscher, Victor Olazaba e Don Ho; e i colori diVal Staples, Nelson Daniel e Esther Sanz. Edizione italiana tradotta da Luigi Mutti, adattamento di Giuseppe Guidi e lettering di Fabio Ciacci.

La Panini Comics raccoglie le storie di uno dei prodotti sicuramente più riusciuti del rinnovo Marvel NOW!, in cui si punta al lancio di un nuovo personaggio nei panni del Ghost Rider, piuttosto che recuperare una precedente incarnazione. Scelta vincente, vista la caratterizzazione decisamente efficace in questo primo (introduttivo) ciclo di storie, che pone basi solide per lo sviluppo del personaggio.

Il volume sarà disponibile dal 25/08/2016 al prezzo di 20€


Comments are closed.