#quattrochiacchierecon / Sara Pichelli: la signora dei comics made in Italy

Francesco Sinisi

Nei fumetti che leggiamo ci sono disegni che comunicano a prescindere, anche muti. Ci sono volti con un’espressività naturale, vivida, di un realismo pazzesco. Pose, anatomie, costruzioni plastiche che sanno quasi venir fuori dalla pagina, che ti vien voglia di toccare…

È questo il caso di Sara Pichelli, altro orgoglio italiano nel mondo, che ci ha gentilmente concesso l’intervista che segue. Oltre alle sue enormi doti artistiche, oltre l’eleganza, la precisione, la limpidezza del suo tratto, abbiamo potuto ammirare la sua affabilità e ironia. Ne è venuta fuori una piacevolissima occasione per conoscerla meglio.

Ormai nel Mondofumetto ti conoscono tutti, credo. Ma facciamo finta che ci siano dei lettori di Geek Area che non ti conoscano ancora (poi provvederemo a punirli): parlaci di te e raccontaci della tua storia professionale.

​Ciao a tutti, sono Sara Pichelli, sono marchigiana ma ormai romana d’adozione da 13 anni. Non vi dirò mai la mia età, ma vi aiuto dicendo che mi sono trasferita nella capitale a 19 anni.

Ho studiato alla scuola Internazionale di Comics a Roma, frequentando i corsi di animazione tradizionale e 3D. Solo finiti gli studi e dopo aver lavorato qualche anno nel mercato dell’animazione come storyboard artist e character designer ho iniziato a lavorare nel mondo del fumetto per la IDW Publishing come assistente di David Messina sulla serie di Star Trek e di Elena Casagrande su Ghost Whisperer, prima di passare alla Marvel nel 2008, selezionata in un’internazionale concorso indetto dalla casa editrice stessa alla ricerca di nuovi talenti, chiamato ChesterQuest. 

Dopo aver lavorato su svariati titoli della Marvel, quali NYX, Namora e X-Men, sono stata scelta come artista principale sul secondo volume di Ultimate Comics: Spider-Man. E poco dopo ho avuto la fortuna di partecipare alla co-creazione, occupandomi della parte grafica del nuovo Uomo Ragno (ormai non più Ultimate) Miles Morales.

 Nel settembre 2011 il mio duro lavoro è stato ricompensato da un Eagle Award e un Harvey Award; e nel 2012 due Stan Lee awards.

Nel 2014 sono stata inserita tra le nuove Marvel Young Guns (ovvero nuovi talenti su cui investire nel futuro).

Ho recentemente lavorato sulla testata Guardiani della Galassia (che ha visto rilanciare Angela, l’amato personaggio dell’universo narrativo di Spawn, con un arco narrativo scritto da Brian M. Bendis e Neil Gaiman), e  All New-Xmen.

Ricordo una bellissima strategia pubblicitaria per il primo progetto delle Truckers, il collettivo artistico tutto al femminile di cui fai parte: a che punto siete? Dopo “What the Fake?!” e “Appetizers”, che state progettando? Cos’altro investirete coi vostri camion? 

​Quest’anno finalmente uscirà il nostro primo fumetto collettivo! Vi dico solo tanto casino, gnocche e zombie-hipster… vi basta?!​ 

Stai lavorando ad altri progetti? Hai un bello scoop da darci?

​Sto attualmente lavorando sulla nuova serie, fresca delle vicende di Secret Wars: “Spider-Man”. Che vedrà Miles Morales diventare l’Uomo Ragno nell’universo 616. Non posso dirvi di più ancora.​ 

Hai mai pensato di creare qualcosa di tutto tuo? Ti sei mai dedicata alla scrittura di un’opera?

​Non ho mai scritto nulla e, anche se è qualcosa che mi intriga, devo studiare un po’ prima di cimentarmi nell’impresa. Ma sicuramente vorrò fare un mio progetto personale, in combo con uno scrittore.​ ​Ho un immaginario ben preciso che scalpita per uscire fuori.​

Disegnare l’Arrampicamuri penso sia la realizzazione del sogno di ogni disegnatore. Tu ci sei riuscita (e alla grande!!). Che rapporti avevi con Testa di Tela prima del tuo lavoro su Miles Morales? Ne eri lettrice, appassionata, fan? O vi siete “conosciuti” sul lavoro?

​Mai stata una fan accanita dell’Uomo-Ragno. Ma devo ammettere che è stato un piacevole appuntamento al buio, che ci ha portato a una relazione stabile!​ 

Ti abbiamo visto ormai (evviva!) su quasi tutte le testate Marvel, come main artist e come copertinista; la caratterizzazione del tuo New Ultimate Spider-man è stata fenomenale, la tua Lady Loki mette i brividi, la potenza del tuo Venom fa venire gli incubi. Sai dare energia, eleganza e potenza a tutto ciò che disegni, ma c’è un personaggio che preferisci disegnare? Perché?

Se ti riferisci a personaggi già esistenti, ho decisamente un debole per bad girls come Harley Quinn o schizoidi come Joker!

Perdona la mia invadenza e prendi la domanda che sto per farti come pura curiosità intellettuale. Molti dei tuoi sketches personali, che pubblichi sui social, sono “inquietanti”, molto dark e visionari: raccontano una tua simpatia per l’horror e il noir, sono volontà di provocare, l’espressione del tuo lato più “cattivo”, o è semplicemente l’influsso malefico del tuo compagno David Messina? XD

Quello è l’immaginario di cui parlavo qualche domanda fa. Provo piacere nel creare alcune forme umane fuori dall’ordinario, è una mia personale visione della bellezza. Non vedo l’ora di poterci creare qualcosa di completamente mio.

Qual è il tuo sogno nel cassetto nel tuo lavoro?

Mi piacerebbe lavorare con dei miei scrittori preferiti quali Neil Gaiman, Warren Ellis o B.K.Vaughan.​

Sei arrivata alla Marvel grazie ad un concorso per giovani talenti. Dicci la verità: ci hai provato e ti è andata bene, ti ha convinto qualcuno, o era un tuo obiettivo particolare?​

Ho mandato il mio materiale davvero per caso al Chesterquest. Tutti gli amici che conoscevo avevano mandato le loro cose, e David stesso mi ha detto che provare non mi sarebbe costato nulla. Alla fine, anche se avevo decisamente prodotto poco materiale fumettistico, mi sono decisa a provare. Direi che ho fatto bene 🙂

A conclusione di ogni intervista, chiediamo ai nostri ospiti di suggerirci dei must, dei fumetti imperdibili: quali sono le opere che, secondo te, non possiamo assolutamente evitare di leggere?

La mia percezione del mondo dei sogni è stata cambiata per sempre dal capolavoro Sandman di Neil Gaiman. Non potete vivere senza averlo letto tutto.

Siamo davvero molto orgogliosi di aver potuto ospitare sul nostro sito un tale talento! Lasciatemi personalmente ringraziare Sara Pichelli, signora incontrastata del fumetto supereroistico italiano e mondiale, per la prestigiosa occasione che mi ha offerto e per le emozioni che mi regala ogni volta che leggo le sue tavole: davvero, di cuore, mille grazie!

In redazione, tutti, non vediamo l’ora di poter riavere il suo Miles Morales tra le mani! Non aspettiamo altro!

Stay tuned.


Comments are closed.

Caricando...