#RWLion / Batman: Rinascita #4

Daniele D'urso

I am Gotham’, la run ideata da Tom King entra nella fase cruciale, dopo aver scoperto le identità dei due nuovi vigilanti, Batman sta indagando sul massacro di un intero reparto operativo dell’esercito americano, la Task Force X, una forza speciale d’elite sotto il comando di Amanda Waller, la loro efferata scomparsa desta non pochi sospetti.

In questa nuova ricerca il cavaliere oscuro sarà solo, non potrà più contare sul prezioso aiuto dei fratelli Gotham, usciti a pezzi dall’incontro con Hugo Strange. Il dottor Strange è da sempre uno dei nemici più letali del pipistrello, oltre ad essere un rinomato psicologo è il massino esperto (dopo Batman) della criminalità di Gotham City, ed ha anche dalla sua un invidiabile carisma magnetico in grado di condizionare i comportamenti di chiunque lui voglia.  Ancora una volta King si dimostra un eccezionale scrittore di spystory capace di alimentare l’interesse del lettore in pochissimo tempo.  Batman incarna nuovamente il primordiale istinto del detective mettendo da parte le ambizioni eroiche in favore di una narrazione pragmatica della quale difficilmente potrete fare a meno. Un percorso che cresce numero dopo numero senza tralasciare la qualità nei dialoghi e delle scelte narrative.

Dal canto suo, Detective Comics in questo primo ciclo di Rinascita ha convinto piacevolmente critica e lettori dimostrandosi tra le migliori proposte attuali. La leggendaria testata che ha dato i natali proprio all’uomo pipistrello nel lontano 1939, ha raggiunto il numero #937 e sta viaggiando in direzione mille, il quale con buone probabilità potrà vedere alla guida della testata ancora James Tition IV, autore a sorpresa di un ottimo lavoro di rinnovamento. La squadra dei Batman, diversamente dal suo mentore è sfuggitta alle grinfie della Colonia, gruppo operativo segreto dell’esercito americano, sotto il comando del generale Kane, addestrati ed equipaggiati ad immagine e somiglianza del cavaliere oscuro. Questo meticoloso progetto ha colto in fallo l’eroe lontano dall’aspettarsi un nemico di tale spessore organizzativo e pericolosità. In questo numero le vicende della squadra capitanata da Batwoman vengono messe da parte per tornare a parlare della sorte di Batman alla mercè del gruppo di antieroi disposti a qualsiasi cosa pur di scoprire ogni singola abilità dell’icona alla quale si ispirano.

Riprendono i viaggi intorno al globo di Dick Grayson al soldo, almeno per ora, del parlamento dei gufi. La società segreta non pienamnte soddisfatta dell’operato dell’ex Ragazzo Meraviglia, ritenuto troppo debole, vi ha affiancato un loro uomo dai modi estremamente più brutali: l’egocentrico Rapace.

Antieroe dalla bocca larga che utilizza le sembianze di uccello per incutere timore ai suoi nemici. Il rapporto tra i due sarà immediatamente conflittuale, l’autorità autoimposta da Rapace su Nightwing sarà mal vissuta dal ragazzo. In più questo nuovo ‘collega’ ha un vero e proprio rapporto conflittuale con il mentore di Grayson, del quale si ritiene superiore. Le avventure di Nightwing continuano come tutte le altre su Batman Rebirth 5, esatttamente tra due settimane.


Comments are closed.