#RWLion / Flash: Rinascita #1

Daniel Spanò

“My name is Barry Allen and i’m the fastest man alive”

Dopo l’enorme successo negli Stati Uniti, arriva anche da noi il primo albo dell’operazione rinascita di “The Flash” con al timone Joshua Williamson e Carmine Di Giandomenico.

A differenza delle altre testate della serie, questo numero uno di Flash può essere considerato una “storia-ponte” con l’albo “Universo DC Rinascita”, cambiando il punto di vista del protagonista, passando da Wally a Barry.

Il vero scopo però è quello di ripulire l’autentico Flash dal peccato originale di “Flashpoint”, un peso che nonostante la sua velocità, l’uomo più veloce del mondo non è mai riuscito a scrollarsi di dosso:

“Si Barry, è stato qualcos’altro, qualcun’ altro”.

Con questa frase, Wally redime il nostro protagonista, aprendo ufficialmente la caccia al vero colpevole degli eventi dell’universo “New 52

La vera eccellenza però, non può non essere il tratto di un insuperabile Carmine Di Giandomenico, che riesce a rendere perfettamente giustizia alla dinamicità del corridore scarlatto, non facendo però perdere espressività ai personaggi, suo tratto distintivo da sempre.

Sono sempre stato legato al personaggio di Flash e vederlo disegnato e raccontato in questo modo non può che farmi venire la voglia di tornare a leggerlo regolarmente.

Oltre al già citato Flash, a dividersi le pagine del quindicinale ci sono anche Freccia Verde, scritto da Benjamin Percy e disegnato da un superbo Otto Schmidt e Aquaman di Dan Abnett, Scot Eaton e Oscar Jimenez.

Essendo queste due storie pensate come una sorta di starting point, non c’è moltissimo da analizzare, degno di nota però è sicuramente il forte richiamo al costume di Freccia Verde concepito da Mike Grell nella seconda metà degli anni ’80 e, evitando Spoiler, un interessante ritorno di fiamma.

Appuntamento quindi con Flash, Freccia Verde e Aquaman il 28 Gennaio.


Comments are closed.