#RwLion / Justice League: Rinascita – Recensione

Redazione Geek Area

Raccontare storie di supereroi senza affrontare il rapporto con il divino delle loro figure, è difficile. Perché, a conti fatti, il supereroe trascende la quotidianità dell’uomo, lasciando con i piedi per terra la sua fallacia mortale per trascendere a mito. Con questa base metanarrativa si apre la storia del primo numero di Justice League: Rinascita, edito da RW Lion.

Il teamup definitivo che rappresenta la giustizia (e, in teoria, il bene) si è unito per affrontare una minaccia globale: più i nemici sono pericolosi, più è necessario l’intervento di un maggior numero di eroi. In Temi il Mietitore, ognuno di essi è rappresentato nella propria quotidianità: Batman, Wonder Woman, Flash, Cyborg, Acquaman in azione, mentre Clark è a casa con la famiglia, dopo aver preso il posto del Superman della terra, costretto a prendere la pesante eredità delle redini della Justice League, pur non facendone idealmente personalmente parte. Dov’è Lanterna Verde? Lontana, come la speranza nel momento di massima crisi, perché impegnata nel confronto con le Lanterne Rosse (come visto sulla testata dedicata al personaggio). Questo stallo con il supergruppo diviso prosegue per diverse pagine, almeno fino a quando Superman non decide di scendere nuovamente in azione, riportando la speranza (dunque, Lanterna Verde) con la sua presenza.

Nel secondo arco narrativo introdotto dal numero (Le Macchine Estinzione: parte uno), vediamo prima Wonder Woman in una missione di pace piuttosto particolare (visivamente davvero suggestiva), per poi concentrarci sul resto del team, nuovamente diviso. Nella prima parte de Le macchine estinzione ogni membro della JL (tranne Superman) fronteggia una diversa minaccia, per poi scoprire che forse, in realtà, non si trattano di eventi distinti e separati tra loro.

A chiudere l’albo ci sono i Titans, racchiusi nella malinconia di Wally West. Ormai dimenticato, torna nel suo mondo dopo essersi disperso per far riaffiorare il suo ricordo nella memoria dei suoi amici, i Teen Titans. L’unico alleato possibile, unico individuo che si ricorda della sua esistenza è suo zio Barry Allen. Le cose purtroppo non saranno facili per lui: la storia alterna momenti di malinconia a violenza dura e cruda, rendendo ancora più amari i ricordi in cui affonda Wally, passo dopo passo. C’è ancora uno spiraglio di salvezza, forse non tutto è perduto. Ci sarà una “Rinascita” anche per i Teen Titans?


Comments are closed.

Caricando...