#Saldapress / Invincible – Un mondo tra le mani

Simone Lastilla

Ogni volta che prendo un fumetto di Invincible tra le mani mi pongo sempre la stessa domanda:

Sarà bello come il precedente?

Questa è la domanda principale che mi pongo ogni volta ad ogni numero e a questa domanda risponderò solo alla fine.

Invincible, di nuovo lui, sempre lui.

Non è un periodo semplice per Mark: il college va malissimo, la relazione con Amber è sempre peggio, il rapporto con la madre non è dei migliori e il fratello Oliver cresce a vista d’occhio.

Ma se i problemi per il nostro eroe fossero solo questi tutto sarebbe stato più semplice.

In questo momento Mark ha il peso del mondo addosso, peso che non riesce più a reggere e a portare avanti, troppe responsabilità che lo stanno schiacciando.

Bellissima, ma anche molto triste, la frase detta in volo:  “In questo momento nella mia vita c’è decisamente troppo casino.”

Grandi, anzi, grandissime minacce lo aspettano dietro l’angolo: da una parte abbiamo un’invasione aliena di una razza astuta e dall’altra la Lega Dei Rettili che si è impadronita di una base nucleare americana e sullo sfondo i Vultrumiti pronti a prendersi la Terra.

Come già detto prima, il rapporto con Amber sta precipitando e Mark è posto davanti ad una scelta che può sembrare stupida e banale, ma che prima molti devono affrontare: lasciare la propria ragazza o continuare a stare con lei facendo finta che tutto vada bene?

Per quanto possa sembrare semplice per qualcuno, ricordiamoci che stiamo parlando sempre di un adolescente!

Anche in questo ciclo rimangono dei punti fermi come 4il rapporto con la famiglia e soprattutto con il governo.

Senza fare nessun spoiler, possiamo solo dire che Invincible continua meravigliosamente (QUI la recensione del ciclo scorso) a crescere sotto tutti i punti di vista, dalla storia al disegno, dalle vicende sentimentali ai conflitti spaziali che lo aspettano.

Ryan Ottley ai disegni è sontuoso perché riesce a rendere quasi reale quello che vive Mark, il lettore entra nell’universo di Invincible e ne diventa parte attiva, il che non significa “schierarsi” da una parte o dall’altra, ma sentire intensamente quello che vive Mark Grayson.

È la forza di questo fumetto, riesce a farti toccare con mano una nave spaziale, ti fa toccare il cielo mentre Mark vola e riesce a immergerti totalmente in queste vicende.

In questo ciclo che va dal numero 18 al numero 24, vengono messe le basi per un futuro molto incerto per il nostro eroe, lo attendono sfide ardue e mostruose, ma il ragazzo non si farà trovare impreparato.

Robert Kirkman si conferma ancora una volta un genio assoluto, in grado di tenere come un grande burattinaio tutti i fili in equilibrio senza mai spezzarli, di rendere sempre al meglio le sue storie e stupendo ogni volta di più chi le legge.

Nel numero 23 della testata si conclude il primo story-arc di Wolf-Man, dove potremmo dire davvero tanto, ma ci fermiamo solo a dire che vi commuoverà e vi spezzerà il cuore.

Invincible lo travate ogni mese in edicola e in fumetteria al prezzo di 3,90 euro, edito da Saldapress.

Non attendete che venga un alieno per farvi leggere Invincible, volate a prenderlo!

Ah, non mi sono dimenticato della domanda che mi sono posto all’inizio:

Non è bello come il precedente, migliora sempre di più!


Comments are closed.