#saldaPress / Zeroi dell’etichetta Radium

Fabrizio Mancini

Zeroi è un’interessante rilettura del mondo dei supereroi nascosta dietro un aspetto vagamente parodistico.

Numerose sono le dirette citazioni ai più famosi protagonisti del paesaggio supereroistico come Gattopardo, che sembra un incrocio fra Batman e Giudice Dredd, Ferrotipo, direi che si comprende già dal nome, Gecko che ricorda Spider-Man e Magnitudo, che è come un..no aspetta questo sarebbe spoiler. Perché tutta la storia ruota attorno a questo inarrestabile Hulk arancione con la barba.

Matteo Casali e Tuono Pettinato giocano bene le loro carte.

Sotto questo mare di gustosi rimandi, c’è un altrettanto saporita questione supereroistica. Casali e Tuono sembrano creare delle maschere da commedia dell’arte per mostrare quella che potrebbe essere la realtà di un mondo di supereroi. Il miliardario che si erge sopra tutti sicuramente sarà troppo sicuro di sé e spocchioso, allo stesso modo chi crede che le proprie idee siano migliori e cerca di imporle ad altri potrebbe risultare decisamente antipatico, per quanto buono sia, e il mutato geneticamente, beh, nonostante il cuore d’oro potrebbe non avere questa grande dote, anzi potrebbe quasi sicuramente essere motivo di vergogna per la propria diversità.

La diversità, è proprio questa a governare la storia. La diversità che divide, la diversità che unisce.

Ad imbracciare matite e colori sono rispettivamente Cinci e Andrea Izzo per i primi 3 capitoli, per l’ultimo i disegni sono affidati ad Andrea Scoppetta ed i colori a Elisa Serio & friends. Comparsata per Giuseppe Camuncoli che disegna un personaggio in particolare.

Nonostante stili diversi, si esalta l’aspetto cartoonesco e, come per la storia, è celato qualcosa di più profondo.

Direttamente dall’etichetta Radium, edito da saldaPress, uscirà sia brossurato che cartonato rispettivamente a 12.90 € e 19.90 €


Comments are closed.

Caricando...