#Supergirl / 2×10 / We Can Be Heroes

Luigi De Meo

Cosa rende un eroe tale?

È questa la domanda su cui si costruisce la puntata di Supergirl. Il ritorno di Livewire fa da schermo per la fitta tela di relazioni tra i protagonisti, e il loro desiderio di essere eroi. Se da una parte abbiamo Jimmy Olsen che tenta di avere un riconoscimento come Guardiano da Kara, dall’altra abbiamo la stessa Kara che si scontro con le motivazioni (deboli) di Mon-El e sullo sfondo J’onn che deve combattere contro se stesso e decidere di mettere da parte ciò che lo aiuta ad andare avanti per salvare M’gann: il suo odio verso la razza dei marziani bianchi.

Un bell’intreccio di personaggi e motivazioni, uniti da fili che alla fine si spezzano o si allentano tanto da far dubitare sul futuro di alcuni rapporti.

Cosa rende un eroe tale quindi? Forse i poteri, la volontà, il desiderio. Ma anche, e questa è la mia personale interpretazione, la mancanza di uno di questi fattori. Compiere qualcosa di straordinario quando sembrano mancare i mezzi necessari per riuscire è eroismo.


Comments are closed.