#vertidaily / Demon’s daughter di Avella, Miracolo e Fiato

Francesco Sinisi

Che la figlia di un demone dovesse essere bella, si sapeva. Che avesse i capelli rossi, un paio di corna e lunghi artigli, si poteva benissimo immaginare. Ma che fosse pure appassionata di Play Station e che odiasse la chimica…beh, questa è nuova!

Jane, così si chiama la protagonista di questo verticalismo, figlia di Astaroth, mezza demone (non provate a darle del demone che vi picchia duro!); impegnata a proteggere la sua città; e a far male a qualcuno in caso abbia una brutta giornata. Per fortuna quel qualcuno sono altri demoni!
Oltre il buon apparato grafico (forte di una bella costruzione agile delle vignette e del colore), quello che colpisce di Demon’ daughter è proprio questo particolare rapporto che la mezza demone ha verso i suoi “simili”, padre compreso, e di contro con gli umani.

Una storia che non svela tutti i retroscena e che ti lascia con quell’amaro in bocca di chi vuole ancora sapere. Che la storia continui?!


Comments are closed.