#Wilder / Due Guest Artist per “Black Rock”

Daniel Spanò

Continua a crescere il Roster di autori in forza a Wilder. Dopo Australia infatti anche il team creativo di “Black Rock“, il western soprannaturale realizzato da Dario Sicchio, Jacopo Vanni, Francesco Segala e Maria Letizia Mirabella, sta per subire due importanti innesti.

Il terzo episodio della serie, disponibile da Martedì 21 marzo, sarà un capitolo speciale e vedrà come guest artists Pierluigi Minotti ai disegni e Mattia Di Meo ai colori.

L’episodio avrà anche un’esclusiva cover appositamente realizzata per l’occasione da Alessio Moroni.

Dario Sicchio: 

ll terzo episodio di Black Rock è un episodio anomalo; si tratta di un lungo flashback che spiega i retroscena dietro alla natura di uno dei misteri principali di questa serie. Un episodio ambientato per la prima volta al di fuori del Villaggio, ma non voglio anticipare nulla. Per questo abbiamo pensato, assieme agli altri ragazzi di Wilder, di sottolineare questa particolarità rivolgendoci a dei guest artist. Quella tra me e Pierluigi Minotti è una grande storia d’amore negato. Ho sempre ammirato il suo stile “sporco”, espressionista e subdolamente inquietante. Ha un tratto che si presta perfettamente sia alla rappresentazione di contesti realistici, sia alla resa di soggetti mostruosi, surreali e stranianti, e questo è un equilibrio sul quale si fonda l’intero progetto di Black Rock. Questo episodio ha rappresentato l’occasione perfetta per lavorare finalmente insieme e non potrei essere più contento dei risultati. Dato che lo stile di Pierluigi è radicalmente diverso da quello di Jacopo (che comunque sono presenti nel prologo e nell’epilogo di questo episodio), abbiamo pensato fosse una buona idea rivolgerci anche ad un altro colorista che sottolineasse ancora di più lo “stacco” fra gli eventi narrati in questo flashback e il resto della storia. È stato Pierluigi a menzionare Mattia come sua prima scelta per i colori. Io e Mattia ci conosciamo da circa un anno, avendo lavorato entrambi a due diversi volumi del progetto SEASONS (io su Kingsport come sceneggiatore e lui su Elvis come disegnatore e colorista); non avevo idea che lui e Pierluigi fossero amici di vecchia data, ma conoscendo lo stile pop, acceso e lisergico dei colori di Mattia, all’inizio ero dubbioso su come potessero integrarsi con lo stile di Minotti. Ogni dubbio è stato fugato quando ho visto le tavole. E così arriviamo ad Alessio Moroni, che ha realizzato la cover. Ho ammirato il suo lavoro su Darwin, altro volume del progetto SEASONS. Ho letteralmente stalkerato Alessio per riuscire a lavorare con lui, e la bellissima cover che ha realizzato per questo episodio di Black Rock è solo l’inizio di una splendida amicizia… o di un’ordinanza restrittiva.

Alessio Moroni:

Ho conosciuto Dario in occasione di una delle presentazioni del progetto Seasons, che vedeva lui come sceneggiatore di Kingsport e me come disegnatore di Darwin. Proprio in quell’occasione Dario mi ha detto che stava lavorando ad un Western soprannaturale e, guardando i rispettivi lavori, subito ci siamo detti che avremmo voluto lavorare insieme. L’occasione si è presentata durante la lavorazione di questo terzo episodio di cui ho curato la copertina. Il “corteggiamento” di Dario è partito da lontano, ma alla fine ho ceduto. Vuoi per la storia davvero accattivante, vuoi per l’ambientazione che è una delle mie preferite, vuoi per la possibilità di lavorare su atmosfere cupe e oscure che si sposano perfettamente con il mio background artistico. La cosa che ho apprezzato di più del lavorare a questo titolo è stata infatti, quella di essere stilisticamente libero e di aver potuto omaggiare un po’ tutto quello che è il mio immaginario di riferimento. In particolare per questa copertina ho voluto omaggiare uno degli autori che più mi ha segnato: Mike Mignola (che spero non se la prenda troppo per il risultato) Non posso che ringraziare quindi Dario e tutto lo staff di Wilder per avermi dato la possibilità di contribuire ad uno di quei fumetti che quando li leggi pensi “c***o! questo è il fumetto che avrei voluto fare io!” Che poi, quando ti capita di disegnare una bambina con una maschera da sciacallo in mezzo al deserto come si fa a rifiutare?

Restate sintonizzati sulla pagina facebook di Wilder, perché presto verranno annunciate altre interessanti novità!


Comments are closed.