#Bugs / Geppetto – Storia di un padre / La recensione

Geppetto
Avatar

È stato presentato, nel corso dell’ultima edizione di Lucca Comics, il volume Geppetto – Storia di un padre, di Gianmarco Fumasoli e Francesco Dossena, con il quale Bugs Comics inaugura un ciclo dedicato alle grandi favole.

C’era una volta un uomo: prequel e variazione sul tema.

Soggettiva sul personaggio di Geppetto, si tratta di un prequel ma anche di una versione alternativa del Pinocchio di Carlo Collodi.
La storia si svolge quando la creazione di Pinocchio non è ancora completata. Ma i fatti narrati e la sostanza dei contenuti vanno in tutt’altra direzione rispetto al canone della storia originaria.
Geppetto è un uomo solo, che ha perso prematuramente una moglie giovane, bella, e la cui vita, da allora, ha assunto tonalità cupe e sbiadite.
Non si arrende. Il desiderio di vita e di quell’amore che non ha più, si trasferiscono magicamente – e ci viene detto perché – nella creazione delle sue marionette, plasmate dal legno ma vive.

Da desiderio di vita a desiderio di morte.

È evidente però, manca qualcosa. L’ingegno può fare tanto, ma senza l’amore, senza il miracolo e la forza vitale della maternità, le opere di Geppetto sono destinate a rimanere incompiute. Sono creature destinate a vivere (e morire) da burattini, senza la possibilità di diventare bambini in carne e ossa. Qui non c’è alcuna fata turchina a infondere loro la scintilla e il calore necessari alla metamorfosi.
Vendute a Mangiafuoco, che le usa per rappresentazioni teatrali, Geppetto continua a seguirle e amarle come figli che lasciano casa per andare incontro alla vita.

Quando questi sentimenti, che pur resistono alla solitudine e all’impossibilità di comunicare e di essere compreso dagli altri, vengono però calpestati, disprezzati, allora si trasformano in qualcos’altro. Si trasformano in rabbia e dalla frustrazione scaturiscono impetuosa, spietata vendetta e desiderio di morte.
Il colore con il quale Geppetto tingerà il vestito di Pinocchio, alla fine, sarà un rosso che concentra il dolore e la vendetta di un uomo che non vuole più essere sconfitto ma che, inevitabilmente, finisce ancora per esserlo.
Un uomo la cui mente è spezzata da un dolore che non riesce più a gestire.

Note positive.

Racconto che si legge tutto d’un fiato, agile, serrato, inquietante. I testi di Fumasoli sono essenziali, asciutti, efficaci e taglienti. I disegni di Dossena, spigolosi, come intagliati dallo scalpello di un falegname, anch’essi limati ed essenziali, sembrano perfetti per rendere un’atmosfera distopica, ancor più di quella del Pinocchio di Collodi. Tutto, in queste tavole, sembra acuminato e destinato a ferire.
I colori di Francesco Segala, in perfetta sintonia, solo raramente diventano più caldi – come nella tavola che richiama un ricordo del passato felice di Geppetto – o accesi – quando Geppetto “colora” finalmente Pinocchio.

Risultato eccellente.

Volume assolutamente consigliato; spunto e idee molto interessanti, opera compiuta, valida nella forma e nel contenuto. Una “bugia nella bugia”, come la definisce Susanna Raule nell’introduzione al volume e che, aggiungiamo, ha dignità propria, e forza e robustezza per reggersi sulle proprie gambe.
In ultima analisi, una poesia, per la quale è lecito auspicare le migliori fortune in termini di risposta e gradimento da parte del pubblico.

Geppetto – Storia di un padre
Testi: Gianmarco Fumasoli
Disegni: Francesco Dossena
Colori: Francesco Segala
Editore: Bugs Comics, 2019
56 pagine, cartonato, colore
Prezzo di copertina: € 14,90

Comments are closed.