#BaoPublishing / Macerie Prime. Sei mesi dopo – Recensione

Flavia Bazzano

Il primo volume di Macerie Prime è uscito a novembre scorso, lasciando i lettori con un comprensibile nodo in gola (leggi la nostra recensione). Adesso, finalmente, possiamo abbandonare la sospensione del giudizio e tuffarci nel secondo e conclusivo volume del progetto più ambizioso di Zerocalcare.

Macerie Prime. Sei mesi dopo  rappresenta la fine di un’esperienza di lettura che ha messo lettori e personaggi sullo stesso piano dal punto di vista temporale. Anche Zerocalcare e la banda si rincontrano dopo sei mesi in cui nessuno ha mantenuto i contatti con gli altri. Sei mesi in attesa delle graduatorie di un bando che potrebbe dare una svolta alle vite di chi ha voluto tentare, ma anche in cui molto del piccolo microcosmo condiviso dal gruppo si è sgretolato. La battaglia finale con il peggiore dei mostri si avvicina e i sette avranno solo un modo per scampare alla distruzione.

Macerie prime, forse più di qualunque altra storia firmata da Zerocalcare, è legata all’esperienza personale dell’autore. Ognuno degli amici di Zero (Cinghiale, Deprecabile, Katja, Sarah, Secco, persino GiuliaCometti) mostra, forse a discapito della caratterizzazione, una delle sfaccettature di quello che si potrebbe definire il mal di vivere di chi ha superato i trenta. Tutti sono alle prese con il disgregarsi delle proprie sicurezze, anche quelle per il futuro: i rapporti di coppia, la famiglia, il lavoro.  Nel primo volume, il personaggio di Zerocalcare, con i suoi guadagni stabili e le relative poche preoccupazioni, si vedeva come un privilegiato e per questo era perseguitato dal demone del senso di colpa. Adesso, però sta provando un atteggiamento diverso, frutto del training disempatico con Panda, che ha preso il posto di Armadillo: fregarsene, con cortesia, ma comunque fregarsene di tutto tranne che di sé stessi. Saranno gli eventi futuri a dimostrare che c’è un atro modo per affrontare le cose, mostri reali o allegorici che siano.

Quella che ci era stata annunciata come una storia corale, dunque, in realtà si dimostra estremamente intima, in cui la vicenda ruota attorno alla vita e ai cambi di atteggiamento di Zerocalcare. Macerie Prime, nella sua interezza, si presenta come una personalissima confessione dell’autore e, anche se a risentire di questa scelta potrebbe forse essere il mordente della storia, è il titolo che più di ogni altro può mettere il lettore nella condizione di rileggere l’intera opera di Zerocalcare con una nuova consapevolezza.

Anche in questo volume, come nel primo, c’è lo zampino di Alberto Madrigal. Il volume è disponibile sul sito di BaoPublishing con la copertina regular oppure in fumetteria, nelle due versioni variant.

  • ISBN: 978-88-3273-076-0
  • Titolo: Macerie Prime – Sei mesi dopo
  • AutoriZerocalcare
  • Edizioni: Bao Publishing
  • Data di pubblicazione: 07/05/2018
  • Formato: Cartonato 16 x 24 192 pagine (bianco e nero)

Comments are closed.

Caricando...