#saldaPress / Rough Riders Vol. 1 – Scatenate l’inferno – Recensione

Matteo Gatta

Vi abbiamo già parlato di Aftershock recentemente tramite le recensioni di Animosity, Replica, Dreaming Eagles e Demonic. SaldaPress ci porta un altro titolo di questa collana: Rough Riders di Adam Glass.

Aftershock e gli autori propongono al lettore una storia di invasione aliena sotto forma di una non troppo consueta, ambientazione storica che mi ha ricordato molto i personaggi de “La lega degli Straordinari Gentlemen” di Moore. Non solo offre un grande affresco della quotidianità dei protagonisti ma ci mostra, numero dopo numero uno sviluppo delle caratterizzazioni impeccabile. Sono genuinamente coinvolto e colpito da questa (stra)ordinaria serie.

Innanzitutto, Adam Glass, lo sceneggiatore.

Se già la premessa non basta a convincervi (una sorta di task force a cui troviamo a capo Theodore Roosvelt), allora ci penserà l’autore a farlo. È stato uno degli sceneggiatori della serie televisiva Supernatural, attualmente è al lavoro su Criminal Minds ed ha scritto diverse serie fra cui: Deadpool – I re del Suicidio per Marvel Comics e Suicide Squad per DC Comics. Ho scoperto che è un grande appassionato e studioso di storia e da quanto ho potuto leggere mostra una grande sicurezza sul periodo storico di cui scrive.

Cominciamo ad inoltrarci più a fondo all’interno delle vicende. Il personaggio di Annie Oakley è un dura combattente che riesce ad essere perfettamente femminile e sensuale a seconda delle necessità. I suoi dialoghi sono pungenti e autentici, con una componente sarcastica mai eccessiva. E possiamo dire lo stesso del restante cast composto da Thomas Edison, Harry Houdini, Jack Johnson, Monk Eastman e, già citato precedentemente, Theodore Roosvelt. Vi sono diversi colpi di scena ben posizionati e quasi ogni numero si conclude con un buon cliffhanger. Degno di nota è il flashback del protagonista assoluto, Roosvelt, che nonostante possa anche essere non veritiero, è perfettamente adatto a questa ambientazione fantascientifico-storica.

 

In secondo luogo, abbiamo il disegnatore Patrick Olliffe, che prende i dialoghi di Adam e li porta ad un realismo vibrante che rende giustizia come altri non sarebbero riusciti. Non c’è mai un dubbio su chi possano essere i personaggi, cosa che succede per altri fumetti. Patrick riesce inoltre a rendere costantemente evidente la differenza di altezza tra Johnson e Houdini, cosa che non possiamo fare a meno di apprezzare visto che ogni due per tre Jack chiama “Tappo” Harry. Anche trascurando il riconoscimento dei personaggi, il suo lavoro sullo scenario e sulle componenti di fantascienza ha un grande merito. Non si può elogiare Olliffe senza come minimo menzionare il suo colorista Gabe Eltaeb, che evidenzia ogni linea con l’appropriato livello di luminosità e contrasto. Le stanze scarsamente illuminate sono completamente diverse dai campi di battaglia e dalle sale da ballo.

Questo primo volume è perfettamente autoconclusivo, ma lancia delle buonissime premesse per i prossimi numeri. State attenti a non farvelo sfuggire.

Rough Riders Vol. 1

Sottotitolo: Scatenate l’inferno
Autore: Adam Glass, Patrick Olliffe
Collana: Fuori Collana
ISBN: 9788869193477
Dati: 16,8 x 25,6, B+al, 168 pp., col.
Prezzo di copertina: 15,90€

Comments are closed.

Caricando...