#Shockdom / Annunciato un nuovo titolo: 3keys di David Messina

Daniel Spanò

Apprendiamo dalla pagina ufficiale della Shockdom che David Messina, una delle punte di diamante del mondofumetto italiano nel mondo, ha iniziato a lavorare su un  suo progetto Inedito: 3keys

Theon e Noah in "Yamazaki 18 Years vol.2"

Theon e Noah in “Yamazaki 18 Years vol.2”

David, che abbiamo visto all’opera su nomi internazionali come Wonder Woman, Catwoman, Wolverine, ROM e molti altri, dopo l’esordio come autore completo in Nemesis della Indy Press di Michele Foschini nel 2002 e le esperienze con le storie brevi “Outsider” e “Wait and Bleed” appartenenti all’universo di  “Yamazaki 18 years” (Serie antologia creata dal Gentlemen KAIJU Club giunto al quarto volume n.d.r.), riprenderà due personaggi da lui creati per l’universo di “Yamazaki 18 years” (Il vol. 2 n.d.r.),  Theon e Noah e li trasporterà in un horror-action che attingerà dalla mitologia creata da Lovecraft, con elementi ultratgore ed erotici, in una storia scritta disegnata interamente da lui.

Di seguito le dichiarazioni che l’autore ha rilasciato in esclusiva per Geek Area:

Dopo l’esperienza di Bounce e di Yamazaky con i miei soci del kaiju Club sentivo da tanto il bisogno di fare qualcosa di mio, storia e disegni con cui divertirmi e divertire il lettore, cercando anche nuove direzioni nel linguaggio del media che ha modellato la mia vita. Theon e Noah, (nati sulle pagine di Yamazaky) erano i compagni giusti per questa avventura, per giocare con tutto quello che ho sempre amato da Lovecraft a Calvin & Hobbes, passando per l’ultragore, i personaggi femminili, il fumetto ed i mostri alla Del Toro ma senza prendersi troppo sul serio! In questa avventura sarò accompagnato da Alessanra Alexakis ai colori, Manfredi Toraldo e Rita Petruccioli, oltre ai sostegno dei miei soci del kaiju Club, perchè senza gli amici non ci si diverte davvero!”

Noi facciamo un grande in bocca al lupo a David, aspettando con trepidazione l’uscita di questo volume, che sicuramente sarà un successo.


Comments are closed.